Isola dei Famosi

Torna su
Nessuno nasce naufrago

Nessuno nasce naufrago

Sull'Isola del Mejor e l'Isola del Peor ci si ingegna per cercare di sopravvivere

È solo il día 2 di sopravvivenza per i naufraghi, e già la disparità di vita tra le due isole appare marcata.
Sull’Isola del Peor Giucas Casella inizia le sue pratiche di meditazione, quando un urlo squarcia la quiete: “Oddio, un polpo!”, esclama Chiara Nasti trionfante. La più piccola del gruppo ha notato il mollusco nascosto sotto uno scoglio da cui Gaspare, aiutato dai compagni, lo estrae con sapienza. La preda viene adagiata in una pentola piena d’acqua, nella (vana) speranza di accendere il fuoco e poi bollirla.

Nel contempo c’è chi si dedica alla cura personale: Francesca Cipriani assolda Eva Henger e Craig Warwick come shampisti personali. Sembra uscire distrutta dall’esperienza, ma con un colpo di spazzola ritrova il buonumore e si identifica nel Cugino It della Famiglia Addams.
Chi non si dà pace per motivi ben diversi è Eva, che non si capacita della nomination del Meor Francesco Monte, a suo avviso avvantaggiato agli occhi dei compagni, e del pubblico, per via del tradimento subito in diretta pochi mesi or sono: “Comincio a capire perché Cecilia abbia scelto un altro”, la sintesi lapidaria del suo pensiero sul giovane tarantino.

Dopo il polpo, la giornata dell’Isola del Peor è segnata da un altro importante rinvenimento ad opera di Giucas: si tratta di un cocco scavato naturalmente che riporta l’effigie di un musino.
Nelle dolci forme del cocco, Giucas rivede la sua amata cagnolina Nina.
Francesca non ci sta e provoca l’illusionista sbattendo a terra, ripetutamente, l’oggetto del cuore di Giucas, il quale, disturbato dal gesto, reagisce sculacciandola. Sì, sculacciandola.

L’attenzione si sposta sull’Isola del Mejor, dove Jonathan Kashanian esordisce chiedendo se col brutto i tempi i pesci siano presenti in mare oppure no; domanda che stizzisce gli altri naufraghi, in particolare Filippo Nardi.
Dal turbante a bandana è un attimo, si sa. L’opinionista israeliano va a lezione da Marco Ferri e impara le arti della pesca, costruendo una canna funzionale. Talmente funzionale che, pochissimi minuti dopo il suo ingresso in acqua, Jonathan cattura il primo pesce dell’Isola del Mejor: “Io ve l’ho detto che dentro di me vive un Rambo. Mi avete sottovalutato, furbetti!”

Alessia Mancini e Francesco Monte si confrontano sulla dotazione dei compagni più sfortunati, scettici che sull’Isola del Peor siano davvero privi di attrezzi. “Come fanno ad aprire i cocchi, se noi già facciamo fatica col coltello e con la lama del pattino?”
Dalle parole ai fatti, un più concreto Marco si adopera per sfilettare il pesce pescato da Jonathan.
Nel frattempo, sull’Isola del Peor provano ancora ad accendere il fuoco, e ci mette del suo anche Francesca, ma niente da fare. I tentativi di dar vita a una fiamma per bollire il polpo sono tutti vani, e il gruppo si divide tra chi vuol provare a mangiarlo crudo e chi, come Cecilia Capriotti, “Io neanche morta”.
Tra i più ardimentosi ci sono Giucas, che se lo gusta come una prelibatezza, ed Eva, che dopo l’assaggio appare disgustata.
Il mentalista, nel tentativo di condividere l’unico frutto della pesca del giorno, prova a convincere Cecilia e Francesca ad addentare il polpo. Forse con l’ipnosi avrebbe più speranze.
Il gruppo apre una latta di verdure bollite, da cui tutti attingono tranne Chiara.
Prendendola a cuore, “Chiara è la figlia che non ho, anche se è una forte deve mangiare”, Giucas cerca di convincerla a mangiarne un pochino, ma la web-influencer non riesce a mandare giù il boccone e, disperata, prova con tutta le sue forze a sfregare il legno per accendere il tanto agognato fuoco. La fame inizia a farsi sentire.